News

Ritrovati i “genitori” del Sangiovese

Ritrovati i genitori del Sangiovese

Ritrovati i genitori del Sangiovese

Ritrovati i “genitori” del Sangiovese.
Sono il Ciliegiolo e un vitigno quasi sconosciuto originario della Calabria.

La notizia è emersa nel corso del Simposio Internazionale del Sangiovese, organizzato da Arsia a Firenze il 17 novembre.
Al Simposio, i cui lavori si sono svolti dal 17 al 19 Novembre, hanno preso parte oltre 250 fra ricercatori, esperti ed operatori del settori vitivinicolo provenienti da tutto il mondo.
Sono state presentate oltre 80 fra relazioni e comunicazioni scientifiche, da parte delle più autorevoli istituzioni di ricerca che operano nel settore.
La scoperta dell’identificazione dei “genitori” del Sangiovese ¬ considerata dagli esperti una primizia mondiale per il settore – è stata comunicata dal ricercatore Josè Vouillamoz ( gruppo di ricerca della dott. Grando ) dall’ Istituto Agrario San Michele all’Adige, che ha presentato una comunicazione sul tema “Relazioni genetiche del Sangiovese”.
Secondo quanto risulta dalla ricerca, i “genitori” del Sangiovese sono il “Ciliegiolo”e il “Calabrese Montenuovo”.
Il primo è un vitigno antico e ben noto in Toscana.
Il secondo, – ha spiegato Vouillamoz – è un vitigno riscoperto in circostanze fortunate in una piccola azienda della Campania, dove sono ancora coltivate poche decine di piante.
Non è un vitigno iscritto al registro varietale – ha continuato il ricercatore – ed è stata grande la nostra sorpresa quando, eseguendo le indagini sul Dna abbiamo constatato che la parentela risulta completa.
Per ulteriore scrupolo – ha precisato ancora il ricercatore – abbiamo eseguito la ricerca su 50 “microsatelliti” di Dna, ed il risultato ci dice che il Sangiovese ha la metà dei geni (microsatelliti) del Ciliegiolo e metà del Calabrese Montenuovo.
Su questo vitigno che proviene dalla Calabria si appunteranno ora ulteriori ricerche.
Tuttavia il ricercatore si è detto assolutamente certo della scoperta.
L’ Amministratore dell’Arsia , Maria Grazia Mammuccini, si è complimentata per il lavoro svolto ed ha sottolineato l’importanza della scoperta, che rende noti i “genitori” del vitigno più celebre e diffuso della Toscana, con il quale sono realizzati vini come il Brunello, il Chianti, e il Nobile di Montepulciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *